L’importanza delle applicazioni

Dove e come scaricare applicazioni per AndroidLa quantità e la qualità delle applicazioni disponibili per una piattaforma sono uno degli elementi essenziali che concorrono a determinare il successo di un sistema operativo. Da quest’assunto tutti i produttori di sistemi operativi per dispositivi mobili hanno creato un proprio negozio virtuale, marketplace o store, dove poter scaricare applicazioni (chiamate anche app) a pagamento o gratuitamente allo scopo di espandere le funzioni dei dispositivi e attrarre nuovi utenti.

Un’occhio alla concorrenza

Nel mondo dei dispositivi mobili, Android non è l’unico attore del mercato altri sono presenti e forniscono anche loro un market. Attualmente lo store con più app è sicuramente quello di Apple seguito dal Google Play App Store che ne conta “solamente” 600.000 in continua e costante crescita. Nella tabella presente qui di seguito sono elencati i sistemi operativi per dispositivi mobili e gli store a loro abbinati:

Sistema operativo Produttore Negozio (store)
Android Google Google Play App Store
iOS Apple App Store (accessibile attraverso iTunes o qualsiasi dispositivo Apple
SymbianOS o Symbian Anna Nokia Ovi Store
BlackBerry OS RIM App World
Windows Phone Microsoft Windows Phone Store
Bada Samsung Samsung Apps

Dove scaricare le applicazioni

Le risorse online dove poter scaricare applicazioni per i dispositivi Android sono molteplici ma la principale è il Google Play App Store, il portale ufficiale creato da Google nel 2009, dove è possibile acquistare o recuperare gratuitamente una miriade di programmi suddivisi per categorie, classifiche e valutabili dagli utenti (per scaricare le applicazioni è necessario possedere un account Google come quello per la posta Gmail). Le operazioni di installazione, aggiornamento e disinstallazione delle applicazioni possono essere fatte attraverso il dispositivo Android servendosi dell’app Play Store ma con gli ultimi aggiornamenti altrettanto è possibile farlo comodamente attraverso un qualunque browser da un qualunque dispositivo, in questo caso gli aggiornamento verranno applicati nel momento in cui il dispositivo Android verrà collegato al Google Play App Store. Nel caso di applicazioni a pagamento il costo può partire da pochi centesimi fino a raggiungere decine di Euro e può essere effettuato attraverso le più comuni carte di credito mentre nel caso un’applicazione non risponda alle proprie aspettative è consentito restituirla e ricevere il rimborso del denaro speso entro 15 minuti dall’acquisto.

Google al contrario del suo più diretto concorrente l’Apple non ha limitato la diffusione delle applicazione al proprio market ma ha concesso a chiunque la possibilità di distribuire software per la piattaforma Android. Possiamo scaricare applicazioni direttamente dalle pagine Web degli sviluppatori o da siti alternativi al Google Play come l’appstore di Amazone, AndroidPIT, AppBrainF-Droid, TegraZone e altri.